La mancanza di Giuseppe D’Avanzo e l’importanza delle parole.

Giuseppe D’Avanzo era un grande giornalista, una sintesi inedita di cronista irriducibile e lucido intellettuale. Giuseppe D’Avanzo ci manca, ci manca ogni giorno di più. Lui non c’è, è vero, ma restano i suoi articoli, definizione assai imprecisa, per difetto, di quello che sul suo giornale andava scrivendo nei suoi quasi quotidiani capolavori di stile. E così, dopo settimane di stridii grillini, abiure e minacce, sconfessioni e diktat, e dopo l’ultima condanna alla gogna mediatica emessa da quel sommo sacerdote del giustizialismo senza e se e senza ma che è Marco Travaglio ai danni del neo-presidente del Senato Pietro Grasso, ieri sera sono andata a rileggermi il primo dei suoi scritti raccolti ne Il guscio vuoto. Metamorfosi di una democrazia, pubblicato da Laterza lo scorso anno. S’intitola “La neolingua del potere”. Scriveva D’Avanzo nell’ottobre del 2008: “(…) Quella lingua, che non riconosce alcuno statuto alla realtà, che riduce drasticamente ogni complessità (anche lessicale), è soltanto una mera tecnica di consenso o custodisce di più: una strategia o addirittura un destino politico?” E più avanti, a proposito dei moduli della neolingua: “Sono aut disgiuntivi: o si è dentro o si è fuori; o si è incondizionatamente amico o incondizionatamente nemico; o si è per il bene o per il male”. Parlava di Berlusconi, allora, ma nel calzare come un guanto alla miseria dei linguaggi politici e mediatici attuali, come non leggere in quelle parole una tragica preveggenza?

Qualcuno ha detto che si muore davvero solo quando nessuno ha più memoria di noi. Forse è il momento, almeno ogni tanto, di ricordarsi di Giuseppe D’Avanzo. Di rileggerlo, soprattutto.

Annunci
Lascia un commento

4 commenti

  1. Proprio vero Iaia… Ti abbraccio. Titti

    Rispondi
  2. Spot on with this write-up, I actually feel this web site needs
    a great deal more attention. I’ll probably be returning to read through more, thanks for the advice!

    Rispondi
  3. Hello to every one, because I am in fact keen of reading
    this website’s post to be updated daily. It includes fastidious material.

    Rispondi
  4. Buongiorno, ho letto (solo) ieri “dimmi ancora una parola”. Bello, durissimo. Spero come papà di trarne un buon insegnamento al fine di migliorare il rapporto con mia figlia primogenita. Io volevo davvero femmine: se mi arrivava un disgraziato come me ero finito… erto che siete un universo difficile da esplorare, me ne dia atto. Siamo assolutamente impreparati – anche e soprattutto geneticamnete – a comprendervi pienamente. Mi auguro (da sempre) che riusciate a prendere potere, in ogni campo. Grazie, è proprio un bel libro, che resterà nella mia memoria. P.S.: è proprio vero, quando leggo mi nascondo nella fantasia, fuggendo la realtà. Però finiscono in fretta…. 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: