Quando a uccidere una donna è “lo straniero”

Come si fanno più esatte le parole e appropriata l’analisi del gesto omicida quando a uccidere è uno “straniero”. Per Singhj Kulbir, l’indiano che ha strangolato la giovane moglie incinta di tre mesi in provincia di Piacenza perché “voleva essere occidentale”, nessuno ha parlato di “folle gesto” né di “dramma della gelosia” e tantomeno di “raptus”. Come spiegava ieri sera un compunto carabiniere al Tg3, quell’uomo ha agito per imporre nell’unico modo che gli era ormai consentito, cioè con l’omicidio, un possesso sulla sua donna che gli stava sfuggendo, per impedirle una libertà che altrimenti non avrebbe avuto altro modo di tarpare. Le regole ferree di un dominio che, fuori dal proprio Paese, aveva perduto, si liquefano non appena una donna  smette di riconoscerle.

E Kaur Balwinde, appunto, non le riconosceva più. E’ possibile che a muovere la furia omicida del marito più della rabbia per la nuova Kaur, meno sottomessa, docile e impaurita di un tempo, sia stata la perdita di rispetto della propria comunità, che derideva e disprezzava un uomo incapace di tenere a bada la propria donna. Tuttavia, qualunque fossero gli stati emotivi appena precedenti all’assassinio, è ancora una volta evidente quanto la vana pretesa di sancire un potere indiscutibile (quello di vita e di morte) coincida con l’impotenza di esercitarlo ancora, nel futuro.

Tutto è morente nel mondo maschile, ma non per questo meno furente, prepotente, violento. Come se la decadenza del genere si sovrapponesse alla furia per l’ineluttabilità della perdita, e una sorta di meccanismo autodistruttivo non potesse che indurre all’eccesso e alla dismisura.

Un’ultima postilla a proposito di decadenza di mondi maschili e di quel che resta della loro forza. Oggi gioca la Nazionale di calcio italiana in un’amichevole con il Lussemburgo. Oggi dovrebbe essere il giorno in cui, per la prima volta, in uno stadio, luogo maschile per eccellenza, arriverà la condanna della violenza sulle donne. Sarà un calcio arrivato al suo stadio terminale, per corruzione e caos, a “impegnarsi” prima di ogni altro settore della società per una “causa” che ancora stenta a essere considerata fenomeno ed emergenza sociale. 

Non possiamo non essere almeno perplesse per questa “alleanza” che pure molte di noi hanno ritenuto necessaria, ammettendo che la potenza di penetrazione degli immaginari da parte del calcio è ancora fortissima. Ma la speranza, sempre più tenue, è che oggi, questi “eroi” così poco epici, sgualciti e confusi, quel messaggio lo esprimano con la consapevolezza che è soprattutto a loro che potrebbe dare un pizzico di residua dignità.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

4 commenti

  1. Paolo1984

     /  maggio 29, 2012

    però noto che i giornali hanno subito titolato che lei “vestiva all’occidentale” quando sembra che in realtà non fosse così. Penso abbia ragione Cinzia Gubbini che su Il Manifesto: “E’ molto probabile, anzi pare che l’uomo lo abbia detto davanti agli inquirenti, che lui sopportasse poco la moglie perché era una ragazza più sveglia di lui , che abita da vent’anni in Italia, e aveva imparato benissimo la lingua, era benvoluta da tutte le mamme, era insomma capace di vivere la sua vita, al contrario di suo marito Kalbir”. Comunque è innegabile che in passato ci siano stati casi di giovani immigrate uccise perchè si ribellavano alle convinzioni tradizionaliste delle loro famiglie (Hina Saleem e Sanaa Dafani)

    Rispondi
  2. lo straniero

     /  luglio 15, 2012

    Bello il titolo……lo straniero…..e sempre la colpa dello straniero. Ma quando un venditore auto de quelli parti truffa ” lo straniero” e la legge non fa niente perche……sei straniero.Parlo di AUTOSERVICE SRL ,SANTERAMO IN COLLE che mi hanno truffato!!!!!

    Rispondi
  3. Morente il mondo maschile? Ad essere morente è questa civiltà arrivata al capolinea.
    E quando questa civiltà crollerà – perchè il suo crollo sarà inevitabile- il cosiddetto potere
    femminile che non sapete farlo basare altro che sulle quota rosa crollerà anch’esso come
    un castello di carte. E poi vorrò vedere quante di voi preferiranno suicidarsi piuttosto che
    tornare a sperimentare le delizie del patriarcato il cui ripristino sarà inevitabile!

    Rispondi
  4. Roberta

     /  febbraio 6, 2013

    Complimenti Massimo, se questo é il livello di argomentazione non dobbiamo preoccuparci.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: